Roubaix, une lumière – Passato, Memoria E Cinema Del Reale

Roubaix, une lumière – Passato, Memoria E Cinema Del Reale

Roubaix Commissariat Central è un documentario che il regista Mosco Levi Boucault ha curato nel 2007 e che cattura con grande intelligenza la difficile quotidianità delle forze dell’ordine di Roubaix, piccola cittadina nel nord della Francia un tempo fiorente polo industriale ora considerata una sorta di pecora nera dell’enclave di Lille, prigioniera di piccola delinquenza, apatia, mancanza di prospettive e vita alla giornata.

Nel confrontarsi con il progetto di Boucault vengono in mente le pagine che David Simon ha dedicato al sottobosco criminale di Baltimora durante la sua carriera di reporter, poi confluite nel suo lavoro su The Wire e dopotutto è comprensibilissimo: siamo in fondo nel bel mezzo di quegli anni ’00 che sono stati centrali per il ritorno in auge di un vero e proprio interesse per l’indagine del reale e non è un caso che oltre ad accogliere proprio The Wire siano stati gli stessi anni degli esordi di intellettuali e autori come Alex Gibney, dei nostrani D’Anolfi e Parenti, del grande ritorno di Errol Morris, dell’Adversaire di Carrere.

Arnaud Desplechin a Roubaix ci è nato e attraverso il suo cinema ha sfiorato più volte la sua città Natale ma sembra che solo attraverso il suo ultimo progetto, Roubaix, une lumière, noir presentato a Cannes 2019 e in sala da noi dal 1 Ottobre, abbia deciso di entrare davvero in contatto con l’anima profonda della sua cittadina d’origine e di affrontarla in tutta la sua complessità. Per farlo, parte proprio dal progetto documentario di Boucault e organizza un thriller che colpisce proprio per il modo in cui dialoga e gioca costantemente con le due istanze che lo innervano, con l’approccio documentaristico e la lettura sociologica dell’humus della cittadina da un lato e la macchina del cinema, dello spettacolo puro, con l’emotività, dall’altra, con la realtà e la sua mediazione attraverso gli elementi riccorenti nella poetica di Desplechin.

L’immagine da cui scaturisce Roubaix, Une Lumière è dunque volutamente e straordinariamente malferma, fragile, intrappolata in un limbo tra due contesti espressivi e stilistici agli antipodi da cui preleva di volta in volta ciò che gli occorre per prendere corpo.

La solidità dell’occhio sociologico e dell’impronta documentaria, a contatto con il passo contemplativo della narrazione, finisce per sfaldarsi e ammantare lo spazio in un’atmosfera da non luogo mentale; i crimini di cui è puntellata la narrazione, la maggior parte dei quali già raccontati nel documentario, emergono come dal nulla e si imprimono nel tessuto del racconto senza soluzione di continuità, ponendo l’accento su un elemento casuale vicinissimo al teatro dell’assurdo; al contempo è innegabile (come già notato da molti) riconoscere nella caratterizzazione del protagonista, il sovrintendente Daoud, una eco letteraria che lo avvicina alle atmosfere del Maigret di Simenon.

Con buona probabilità Desplechin crede che per venire a patti con le sue origini, con il suo passato, per introiettarlo, il modo più efficace sia proprio mitigarlo, mediarlo attraverso il cinema puro, che ne smussa i confini e le asperità e ne permette un’assimilazione priva di traumi.

Non è un caso, a questo proposito, che Roubaix, une lumière sia prima di ogni altra cosa un film sul retaggio, sul passato individuale, sulla tradizione, sul fare i conti con le proprie origini, sullo stigma che il contesto sociale lascia su di noi fino a influenzare il nostro destino (quasi un’apparizione fantasmatica del naturalismo francese di Zolà). La narrazione lascia dunque lo spettatore solo a confrontarsi con un campionario di umanità  che ha scelto di fare i conti con i luoghi emozionali del proprio passato in maniera sostanzialmente traumatica, uomini e donne che Desplechin osserva con una sorta di Pietas classica, senza mai giudicarne con severità le azioni, attraverso lo sguardo distaccato e razionale tipico del suo cinema, probabilmente perché vede in loro (o almeno in parte di essi), lo stesso strappo identitario da cui si muove anche lui.

Il punto, forse, è che questo continuo dialogo tra dimensione reale e poetica cinematografica non può non arrivare, almeno secondo i ragionamenti di Desplechin, ad una sorta di punto morto in cui il linguaggio finisce per sclerotizzarsi e schegge dell’una e dell’altra dimensione semantica collidono fino a generare dei risultati imprevisti e per certi versi stranianti.

In questo senso l’ultimo atto, tutto giocato sulla confessione delle due assassine e sulla ricostruzione del delitto è particolarmente rivelatorio. In filigrana sembra in effetti di rivedere le sequenze del dittico The Look Of Silence/The Act Of Killing di Joshua Oppenheimer, soprattutto per il modo in cui i colpevoli di un omicidio rimettono in scena con movimenti meccanici da teatro Brechtiano l’omicidio di cui sono accusati ma tutto ciò che rimane del sistema è una struttura zoppicante e malferma proprio perché quella realtà evocata nella scena (“fatemi vedere come sono andate le cose realmente” dice Dadou alle due ragazze) viene dapprima distorta dalla performance e subito dopo apertamente fatta a pezzi dal riconoscimento di quanto nulla di quanto abbiamo visto o vedremo avrà qualcosa a che vedere con la realtà o addirittura con la verità.

Non si cita, in fondo, il concetto di verità a caso, proprio perché, se ammettiamo che il cinema documentario parta dal reale e dalla verità, è curioso notare quanto tutto l’ultimo atto sia giocato sull’ambiguità della verità stessa, con le due colpevoli che si rimpallano costantemente una ricostruzione dei fatti labilissima, pronta a crollare e rinascere dalle sue fondamenta da un momento all’altro.

Roubaix une lumière, è dunque, prima di qualsiasi altra cosa, una pellicola che ben coglie lo spirito dei nostri tempi, che problematizza i suoi riferimenti, che  interroga lo stesso linguaggio con cui si esprime, uno strumento utile per confrontarsi con il trauma della memoria, per mitigarlo, per ricostruire la propria identità e per restituirle concretezza nel momento storico in cui, forse, non potrebbe essere più labile di così.

Alessio Baronci

Classe 1992. È laureato in Letteratura, Musica e Spettacolo alla Sapienza e ha continuato imperterrito ad indagare il mondo delle arti specializzando in Spettacolo, Moda ed Arti Digitali. Folgorato sulla via della celluloide a nove anni, dopo aver visto "Il Gladiatore" di Ridley Scott, da quel momento fagocita film di ogni tipo mosso da due convinzioni: la prima è che tutte le arti sono in comunicazione tra loro e sono influenzate dal contesto culturale in cui nascono; la seconda è che poche forme d’arte hanno un solo significato, la maggior parte nasconde qualcosa di più profondo all'occhio di chi guarda. Scoprire "quel qualcosa", sempre, è uno degli obiettivi della sua vita. Quando sul finire del 2015 fonda “Liberando Prospero”, insieme agli altri membri del primo nucleo, lo fa con l’obiettivo di distruggere e ricostruire da zero il rapporto tra arte e pubblico, utilizzando ogni mezzo necessario allo scopo. Fa parte del team di autori del blog ed è "dramaturg" e performer del collettivo per quanto riguarda il versante delle esibizioni live.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.